Il simbolo elettorale del M.I.L. Vai nel sito del M.I.L.
Movimento Indipendentista Ligure

e-mail mil@mil2002.org

Il simbolo elettorale del M.I.L.

Link rapidi: I dieci valori della Civiltà Ligure | Battaglie | Volantini | Cronaca | Rassegna stampa
Ultimo comunicato | Visite al sito | Il blog dei liguri indipendentisti |

Una poesia indipendentista
di

Giacomo Navone

Indipendentista Ligure

Vi invio questi versi di nessuna importanza letteraria ma di grande valore politico. Mi scuso per la grafia in parte errata; parlo perfettamente il genovese ma non lo so altrettanto scrivere.

(grafia genovese e traduzione in italiano di Franco Bampi - le note sono dell'autore)
 

Se ti te senti o steumago veuo
càcite sùbito da-o Baciccia de l’euio (1):
’na bella xatta de cada fainâ
e un bello gòtto de vin de Cônâ.
Femmo doî botti e semmo a Banchi
e finimmo de impîse i scianchi.
Frisceu con a sarvia e l’uga passa,
panisse frite e bacalà,
da pasqualinn-a con tanta richeutta
pe pöi finî con ’na peia cheutta.
E da Banchi, Sotorîa
pe finî in Canetto inta laterîa (2).
All’ombra do Dòmmo con o campanon
che giava a voxe «l’à scciapòu o Nanon (3)».
’Na bella tòua pinn-a de gòtti:
Freisa, Barbera e cancaron
che in alegrîa tutto l’é bon.
«Atacca a Partensa ò o Roscigneu»
ghe diva o Zanfæra «Fòrsa, figeu!»

Ma i caroggi en spopolæ;
aleggia solo o spirito di tempi pasæ.
Stirpe zeneize ormai descheita,
fieri eredi do grande Scimon,
o nòstro declin o l’é cominsòu a Vienna
e con un re bòia a nomme Savöia.
A çitæ a s’é ribelâ
ma quelli con e ciumme l’an masacrâ.
Ma sotta a-a çénie o feugo o continua a bruxâ.
Quande i Zeneixi conoscian a seu stöia
se ribelian e a saiâ solo Vitöia:
popolo libero alôa o ritorniâ
e o vesillo de San Zòrzo
o ripigiâ a sventolâ

Se ti senti lo stomaco vuoto
buttati subito da Baciccia dell’olio (1):
una bella scodella di calda farinata
e un bel bicchiere di vino di Coronata.
Facciamo due salti e siamo a Banchi
e finiamo di riempirci i fianchi.
Frittelle con la salvia e l’uvetta,
paniccette fritte e baccalà,
della pasqualina con tanta ricotta
per poi finire con una pera cotta.
E da Banchi, Sottoripa
per finire in Canneto nella latteria. (2)
All’ombra del Duomo con il campanone
che girava la voce «l’ha venato Nanon (3)».
Una bella tavola piena di bicchieri:
Freisa, Barbera e vino di bassa qualità
che in allegrîa tutto è buono.
«Attacca la Partenza o l'Usignolo»
diceva loro Zanferra «Forza, ragazzi!»

Ma i vicoli sono spopolati;
aleggia solo lo spirito dei tempi passati.
Stirpe genovese ormai scaduta,
fieri eredi del grande Simone,
il nostro declino è cominciato a Vienna
e con un re boia di nome Savoia.
La città si è ribellata
ma quelli con le piume l’hanno massacrata.
Ma sotto la cenere il fuoco continua a bruciare.
Quando i Genovesi conosceranno la loro storia
si ribelleranno e sarà solo Vittoria:
popolo libero allora ritornerà
e il vessillo di San Giorgio
riprenderà a sventolare


(1) famoso venditore di farinata
(2) locale dove si riunivano i "trallalleri"
(3) mio nonno 1800-1900 suonava le campane di San Lorenzo e quando il campanone si venò nei vicoli, mi diceva, girava scherzosa la voce che fosse lui il responsabile